Comunichiamo ai gentili Soci che il Consiglio Direttivo del 18 ottobre 2020 ha deliberato la convocazione dell’Assemblea Ordinaria dell’Associazione ProMusica APS presso la sede di Cesano Maderno, Palazzo Arese-Borromeo, in Piazza E. Procaccini, in prima convocazione venerdì 30 ottobre 2020 alle ore 7,30 ed in seconda convocazione sabato 31 ottobre 2020 alle ore 21,00.

L’Assemblea Ordinaria dovrà discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno:
- relazione sulla gestione;
- discussione ed approvazione rendiconto esercizio 2019;
- iniziative in corso e nuove proposte per l'anno 2020
- rinnovo delle cariche associative.

Copia della bozza del rendiconto economico-finanziario – a termini di Statuto - è disponibile per la consultazione presso la Sede Operativa.
Disponibile altresì il verbale della precedente Assemblea del marzo 2019, per la formale approvazione.
Possono partecipare all’Assemblea - con diritto di voto - tutti i soci in regola con la quota associativa 2020. Sarà possibile regolarizzare la propria posizione prima dell’inizio dell’assemblea (quota minima € 10,00).

Nel rispetto della normativa vigente per l'attuale emergenza sanitaria (sotto riportata), sarà possibile partecipare all'assemblea in modalità remota. E' necessario un PC dotato di microfono, altoparlanti e videocamera senza alcun software particolare salvo un normale browser per accesso a internet, o - in alternativa - uno smartphone in cui sia installata l'app Meet di Google.
Verrà comunicato in seguito l'indirizzo web per partecipare alla videoconferenza.  

L’Assemblea è un momento importante della vita associativa nel quale verrà illustrato il lavoro svolto, ma anche un’occasione di incontro e di confronto tra tutti coloro che hanno a cuore la Musica e che potranno in questa sede offrire spunti ed idee per promuoverla, in sintonia con le finalità associative.

Vi aspettiamo quindi numerosi. Se impossibilitati a partecipare personalmente, è possibile delegare altro socio compilando apposita delega (con un massimo di 3 deleghe per socio)

Il Consiglio Direttivo

Assemblee dei soci a seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid-19: le condizioni per effettuarle in presenza

Considerando il combinato/disposto dei provvedimenti e dei pareri fin qui emanati (DL 16 maggio 2020, n. 33, DPCM 7 agosto 2020, Ordinanze di Regione Lombardia n. 590 del 31 luglio 2020 e n. 596 del 13 agosto 2020) possono considerarsi consentite le assemblee e le riunioni in presenza fisica in luoghi privati (non in luogo pubblico o aperto al pubblico), beninteso che, ai fini del distanziamento interpersonale anti contagio, sono preferibili le assemblee telematiche, quantomeno fino al perdurare dello stato di emergenza, ovvero sino al 31 gennaio 2021 salvo proroghe.

Necessario il rigoroso rispetto di tutte le prescrizioni necessarie a prevenire la diffusione del contagio, che vengono di seguito riassunte:

  1. individuazione di un luogo conforme all’utilizzo, ovvero di capienza adeguata in base al numero di partecipanti previsto, che:
    • sia pulito o sanificato come previsto dal DPCM 7 agosto 2020 prima e dopo l’utilizzo;
    • garantisca costantemente il distanziamento interpersonale di almeno un metro (davanti, alle spalle e ai lati), con le eccezioni consentite per accompagnatori di persone con disabilità o per componenti dello stesso nucleo famigliare;
    • permetta la presenza di un numero sufficiente di sedie tale da assicurare la distanza di sicurezza e la presenza “statica” all’evento;
    • sia organizzato in modo da evitare ogni forma di assembramento, con particolare attenzione alle fasi di afflusso e deflusso e a maggior ragione se in luoghi chiusi (prevedere la differenziazione tra le vie di ingresso e di uscita per favorire un flusso più sicuro, evitando che porte e maniglie siano toccate in modo condiviso, ad esempio lasciandole aperte o posizionando addetti debitamente protetti);
    • preveda un’adeguata ventilazione naturale e il rispetto delle raccomandazioni in presenza di sistemi di ventilazione e/o condizionamento nei luoghi chiusi, favorendo il ricambio d’aria negli ambienti interni, in ragione dell’affollamento e del tempo di permanenza degli occupanti; l’affollamento deve essere correlato alle portate effettive di aria esterna, e occorre prestare particolare attenzione agli impianti di aerazione (pulizia dei filtri ed esclusione del ricircolo affinché la movimentazione di aria funga da vettore del contagio);
  2. comunicazione tempestiva ai partecipanti delle misure di sicurezza adottate e dei comportamenti da tenere, allegandole all’avviso di convocazione;
  3. predisposizione di un’adeguata informazione sulle misure di prevenzione, anche mediante affissioni, considerando la possibilità di comprensione anche per persone di altra nazionalità (se previste), incluse istruzioni per l’utilizzo dei servizi igienici;
  4. divieto di accesso a soggetti con sintomi respiratori e/o temperatura corporea maggiore di 37,5°C, col mantenimento di un registro delle presenze per una durata di 14 giorni (comunque nel rispetto della privacy);
  5. rigorosa attenzione all’igiene delle mani attraverso la disponibilità generalizzata di dispenser con soluzioni idroalcoliche;
  6. utilizzo di mascherine di comunità, raccomandato anche all’aperto e obbligatorio se non è possibile garantire continuativamente il distanziamento interpersonale;
  7. raccomandazione a non far uso e non diffondere documenti o altro materiale cartaceo e a far ricorso preferibilmente a documenti telematici;
  8. divieto di consumo di cibi o bevande durante l’assemblea;
  9. modalità determinate e sicure di intervento in postazioni preallestite e distanziate, con (se previsto) utilizzo di microfoni e altre attrezzature opportunamente igienizzati e non condivisi fra partecipanti/relatori;

Quale ulteriore opzione e comunque fino al termine del periodo emergenziale (fino al 31 gennaio 2021, salvo ulteriore proroga), in deroga al proprio statuto, è possibile sommare due modalità assembleari (partecipazione fisica di un numero circoscritto di soci e videoconferenza per tutti gli altri). In ogni caso è fondamentale che l’assemblea si svolga in simultanea e con adeguati strumenti, onde garantire a ogni partecipante di:

  • poter seguire in modo adeguato la discussione (es. si possono per questo mettere a disposizione in anticipo i materiali oggetto di discussione);
  • poter intervenire in tempo reale alla trattazione degli argomenti;
  • partecipare alle votazioni.

Se non già presenti nello statuto o nel regolamento, definire prima con una delibera dell’organo sociale interessato i criteri di svolgimento dell’assemblea, nel rispetto della trasparenza e tracciabilità, che consentano al presidente dell’organo di:

  • accertare la regolarità della costituzione della riunione, identificando in modo certo i partecipanti;
  • regolare lo svolgimento dell’adunanza;
  • constatare i risultati delle votazioni.

In tal caso la riunione si intende svolta nel luogo ove è presente almeno il soggetto verbalizzante.

In questa particolare condizione, il verbale della riunione può essere redatto anche successivamente, con la sottoscrizione del Presidente e del verbalizzante, o avvalendosi della registrazione almeno audio dell’incontro.

col sostegno di
 

coi patrocini di

 

e di numerosi Comuni della Lombardia

Media Partners

Associazione di Promozione Sociale iscritta (con provvedimento n. 1089 del 19.07.2018) al n. progressivo MB-173 del “Registro Provinciale Associazionismo, sezione APS”
Associazione Culturale Musicale Senza Fini di Lucro iscritta all'Albo dei Comuni di Seregno e Cesano Maderno
Sede legale: Via Borromeo, 79 - 20831 SEREGNO MB
Sede operativa: Palazzo Arese-Borromeo - 20811 CESANO MADERNO MB

CF/P.IVA 09754000967 - codice destinatario fattura elettronica KRRH6B9 - matr. INPS 4984855553

www.associazionepromusica.it ♦ Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ♦ Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.